Testamento Carnevale Castelveterese 2017

(opera originale di Maria Bimonte)

logo_carnevale_2

A vecchia, a cient’anni, se voleva ancora ‘mparà! E io puro l’aggia dovuto fa.

Una cosa s’è capita… ca si carnoale vulimo caccià, hai voglia e sapè fa!

Le stendine m’ati fatto arravoglià, ma a la fine, non bello carnoale ati saputo apparecchià.

Na gran bella fiura m’aviti fatto fa… e pe questo, co grande umiltà, a uno a uno ve voglio ringrazià!

Carnoale é sembe na corsa, sta vota a la cassa chiu grossa!

senza pensà, ca tutta sta musica te fa stonà

e sulo la bellezza te fa emoziona’!

No carro co tre belle maschere anno saputo fa, A Venezia s’anno vuluto ispira’!

Tanta eleganza a lo paese a voluto portà: Enzo… però t’a calma!!!

Me parivi lo direttore, co Maria a fa l’osservatore…

Acconza no cappiello llà, na vonnella qua, la fila dallà;

Enzo Alià: sti uagliuni lassali no poco stà. Non te nne ngarrecà, ca non te fanno sfiurà.

Dall’Oriente senza furore, tanti thailandesi aggiò visto arrivà,

e co la canzone e Sanremo se so misi a bballà!

Caterina, da maestra, no poco de Yoga è provato a presentà,

ma comunque… lo stress non s’è riuscito a levà!

Coni e gelato o sicchitiello pe li pop corn? Le generazioni moderne nonn’hanno capito…

lo strummolo serve pe pazzià … non sempe tutti se sanno mette a jocà!

Giovà, pero’, no complimento non pote mancà: tanto colore e tanta allegria l’a saputa dà.

A Santa Lucia non sempe se fatìa! Mangia qua, mangia là e le reclute te veneno a aiutà!

Ne Tony, a fatto no carro co tanti messaggi: ngimma, sotta, annanzi e arreto.

Senza professori era complicato assai, ma pe loro no!

Non sulo , se lo so pure sintuto!

De lo carro te può sempe vantà! Ma la colpa è la toia e niscuno te po’ salvà!

A le criature niente tengo da dì. Sulo a le guardà te fanno divertì. No bello sorriso te fanno venì.

E no bello insegnamento amma capì, ca senza malizia annanzi se po ji!

A lo Princeps è dovuto fatià, e a tutti, che bella fiurà nge fatto fa!

Ma como so arrivati li pesciolini, so accominciati li problemini.

Quanno tutti chiangevano li danni, quiri pacci so jutti annanzi.

Puro co lo carroattrezzi se so abbiati, pe esse da Zi Ciriaco applauditi!

Na tarantella amm’avuto pavà, chisà pecchè sulo pe Nusco s’è potuta apparà!

Tanti sordi pe fa li costumi, o mo le chiudimo d’ind’a li cassettuni.

L’anni chi vene damoci da fa, e cocchiduno c’abballa vidimo e trovà.

No male t’a fatto piglià, dopo ca chiano chiano t’ieri saputo arrangià.

No carro bello e colorato a saputo caccià e co la psiche se po’ sempe ballà.

Antò, non te fermà, si pur’a te la capo te fanno sempe nfumà!!

Era Verdi bello bello, già li giullari restaro co li piedi pe terra!

A l’aria sapiti aizà, ma basta mo, dopo sto robò vidimo de ce trasformà!

Tiniti tutt’è qualità, è ora de le tornà a caccia!

L’ironia ati sempe saputo usà, e ‘ngoppa a cose serie sapiti pazzià!

A l’America siti dovuti arrivà: ospiti internazionali ati fatto sfilà!

La statua de la Libertà ati dovuto asseppondà, no palo arreto c’ati dovuto montà!

Si no, la bottiglia non se moveva, ma sa lo Schizzo addo se perdeva!!!

A cattiveria, che brutta cosa! specialmente si è gratuita e dannosa.

Qua niscuno è perfetto, nisciuno è migliore.

I difetti ce stanno, e ind’a tutti non mancheranno: ma la cattiveria, è n’ata cosa!

Te fa vedè stuorto quero ca è diritto, sulo pecchè non ce piace lo cristiano ca l’è ditto.

A cattiveria non te fa vedè lo bello ca nge sta e ca se fa, solo perché non simo stati

noi quiri ca l’hanno saputo fa.

A cattiveria buono non te fa campà, pecché passi troppo tiempo a criticà!

A cattiveria non te fa pensà a come ce se po’ aiutà, ma te fa agì sulo pe demolì!

A cattiveria, almeno a carnoale, non c’adda stare!

L’esame de coscienza amma comincià a fa: prima a noi, e provà a migliorà.

La sana competizione s’addà creà, de quere ca fanno venì voglia de proseguì e de migliorà, senza denigrà e senza giudicà.

Mo no ve voglio cchiù annoià: tutto da dindo aggio voluto sfogà!

L’anni chi vene ce tornamo a trovà, io co li mali e panza e vuoi a lo continuà a fa!